Una guida per conoscere e scegliere in maniera consapevole la migliore strategia riabilitativa,le migliori tecnologie i migliori materiali che il mondo dentale offre. info

cerca nel glossario odontoiatrico

A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z
Home Novità e soluzioni protesiche Igiene orale e strumentale Malattie della bocca Conoscere le professioni News


  dentisti di qualità

 

 

 

Cerca gli studi dentistici ed odontoiatrici Centro Dental.it per il tuo sbiancamento dentale professionale.

Studio Dentistico dott. Umberto Molini

Via E. Monaci n.5 (Roma) metro Piazza Bologna

300 mt dalla stazione Tiburtina

 

puoi fissare un appuntamento a Roma con il dott.Umberto Molini tramite la mail info@centrodental.it
   

Lo sbiancamento dei denti

Lo sbiancamento dentale è un trattamento estetico che fa diventare i denti più bianchi. Spesso infatti, per le più svariate cause genetiche, per il fumo, per l’assunzione di bevande di colore scuro o per il semplice trascorrere del tempo, anche nei denti più sani e curati possono insorgere delle discromie che possono creare disagi. Si stima che oggi nel mondo siano stati effettuati finora circa 30 milioni di sbiancamenti professionali in tutta sicurezza.

 

Le macchie più comuni

I denti possono presentare due tipi di macchie:
Macchie esterne: al dente, sono causate dal depositarsi di sostanze contenenti cromogeni e da placca e tartaro. Si rimuovono con metodi meccanici, come l’ablazione o il semplice uso di dentifrici sbiancanti che agiscono per abrasione. Le sostanze che possono macchiare i denti sono innumerevoli; tra le più aggressive, il catrame e la nicotina presenti nel fumo, tè, caffè e vino rosso.
Macchie interne: sono contenute all’interno dello smalto del dente. Si eliminano solo con lo sbiancamento dentale mediante perossidi. Tra queste sono incluse le macchie dovute ad anomalie nella mineralizzazione dello smalto determinate da cause genetiche, all’uso di particolari farmaci come le tetracicline durante la formazione dei denti permanenti, all’assunzione eccessiva di fluoro. Queste più che macchie vere e proprie sono aree di smalto in cui manca l’organizzazione tipica di questo tessuto. Per questo sono più difficili delle altre da trattare e spesso richiedono sbiancamenti professionali prolungati con richiami nel tempo.

 

sbiancamento dentisbiancamento denti

 

Trattamento con kit fai date commerciali o sbiancamenti dentali professionali ?

Quali le differenze?

 

I trattamenti sbiancanti commerciali

Gli sbiancanti per denti fai da te hanno, al massimo, un effetto estetico temporaneo. L’uso frequente di questi prodotti può avere fastdiosi effetti indesiderati a breve termine (ipersensibilità dentale, irritazione della bocca). Ancora si sa poco su eventuali effetti a lungo termine.
Meglio evitare i kit per lo sbiancamento dei denti commerciali: non solo sono poco efficaci, ma possono dare ipersensibilità dentale e irritazione della bocca.
Inoltre, l’uso pesante e frequente di sostanze sbiancanti prolungate senza controllo medico può intaccare lo smalto dei denti, che alla lunga diventa più fragile e poroso.

Cosa contengono
L’effetto sbiancante di questi prodotti è dovuto alla presenza di acqua ossigenata o clorito di sodio, sostanze chimiche che penetrano all’interno del dente, sono capaci di entrare nello smalto fino alla dentina - lo strato intermedio del dente di colore giallo (con varie sfumature da persona a persona), quello da cui dipende il colore - e reagiscono chimicamente con i pigmenti di colore in modo da neutralizzarli. Per questo agiscono solo sui denti naturali e non sulle protesi e non devono essere usati in presenza di carie, incrinature, otturazioni, gengive sensibili, cure dentistiche in corso...
Se l’ingrediente attivo è l’acqua ossigenata, il prodotto può essere venduto solo in farmacia, mentre se è il clorito di sodio il produttore può scegliere se venderlo al supermercato o in farmacia.

 

Sbiancamento dentale professionale:

Gli attuali progressi dell’odontoiatria cosmetica consentono di riportare il colore dei denti al bianco e alla luminosità di un tempo: si può anche arrivare a ottenere un bianco totalmente privo di sfumature. La capacità di sbiancamento di un prodotto dipende dalla concentrazione del principio attivo e dal tempo di permanenza a contatto dei denti.

 

denti bianchi

 

Le componenti attive negli sbiancamenti dentali professionali.

Vengono adoperati gel a base di perossido di idrogeno in concentrazioni tra il 20 ed il 50%, solitamente attivati da un catalizzatore chimico o da una fonte di calore. Con le tecniche professionali di sbiancamento si usano agenti sbiancanti ad alta percentuale di principio attivo, capaci di modificare sia il colore geneticamente determinato, sia le variazioni che lo smalto subisce col passare del tempo. I sistemi professionali sono in grado di operare modifiche positive anche nei casi complessi in cui la colorazione dei denti sia stata alterata dall’assunzione di tetracicline o di fluoro in eccesso, oppure da cause congenite.

 

Lo sbiancamento dei denti alla poltrona, come viene anche definito lo sbiancamento professionale nello studio dentistico può essere effettuato con varie tecniche scopriamole insieme.

 

Vari tipi di trattamenti professionali per lo sbiancamento dentale in studio.

Trattamento professionale con lampada irradiante

La tecnica più recente, denominata “Beyond”, è in grado di produrre l’effetto sbiancante dopo appena 60 minuti di applicazione tramite una lampada luminescente.

Le sorgenti luminose utilizzate per accelerare le proprietà sbiancanti di composti a base di perossido d'idrogeno possono essere di vario tipo: al plasma, laser o luce alogena. Le differenze si pongono in rapporto alla potenza della sorgente e alla sua diffusibilità su uno o più denti fino a comprendere nel raggio d'azione su ambedue le arcate. Adatto a chi vuole ottenere un sorriso estremamente bianco qualunque sia la sua condizione di partenza in un modo rapido.Il costo di questo tipo di trattamento generalmente si aggira sui 500-600 euro il tempo di irradiazione è di circa un ora. La durata dello sbiancamento è di circa 2/3 anni e può essere ripetuta successivamente

 

 

sbiancamendo denti

lampada irradiante per sbiancamento denti

 

Trattamento sbiancante professionale con lampada irradiante e con richiami domiciliari

Per chi non bada a spese e vuole ottenere un sorriso estremamente bianco qualunque sia la sua condizione di partenza con richiami domiciliari. Il costo di questo tipo di sbiancamento si aggira sui 600-700 euro

 

Trattamento sbiancante domiciliare con mascherine di sbiancamento individuali

 

Trattamento sbiancante domiciliare con mascherine di sbiancamento individuali detto

home bleaching”. Si utilizza un gel a base di perossido di carbamide a concentrazioni dal 10 al 20%. Normalmente si ottengono risultati efficaci nel giro di pochi giorni, con una modesta e transitoria ipersensibilità. Il costo del trattamento risulta più economico dei precedenti (dai 450 ai 500 euro) e deve essere ripetuto domiciliarmente per un periodo di circa 10-12 giorni indossando una mascherina trasparente individuale termoplastica per circa 2 ore al giorno a domicilio.
  denti bianchi
sbiancamento domiciliare

 

Quanto è efficace uno sbiancamento dei denti? E quali le controindicazioni.

 

L'efficacia dei diversi trattamenti professionali è simile nella durata e nel risultato,quello che cambia sono le modalità di applicazione (irradiazione o mascherine domiciliari).

 

Studi clinici hanno dimostrato che uno sbiancamento professionale è in grado di ottenere piu' di 9 gradi di tonalità media di miglioramento in un'unica seduta. Naturalmente, ogni tipo di dente reagisce in maniera, pur di poco, diversa. In molti casi, tuttavia, i risultati saranno realmente significativi (generalmente nell'ordine di 7-10 tonalità di miglioramento). Tale aspetto sarà oggetto di discussione e di chiarimento nel corso della consultazione con l'odontoiatra. Anche nel caso di severe degradazioni di colore si possono ottenere eccellenti risultati; tuttavia, nei casi piu' difficili, l'odontoiatra può decidere di estendere di poco il tempo di trattamento.

 

Quanto dureranno i risultati conseguiti con il trattamento?
I risultati a lungo termine sono in primo luogo individuali. Gran parte di "quanto mi durerà ?" dipenderà da Lei. Talune abitudini quali l'uso di prodotti da tabacco, le quantità di caffè bevuti, le bevande a forte colorazione scura, le diradate visite ad un gabinetto dentistico per la pulizia possono via via attenuare i risultati ottenuti. Regolari pulizie condotte da professionisti insieme con l'uso di dentifrici sbiancanti l' aiuteranno a mantenere i buoni esiti del trattamento per almeno 2-3 anni. Taluni clienti propendono per trattamenti su base annuale.

 

Mi farà male?

I rischi di un trattamento professionale ben eseguito sono quasi nulli: sia l’ipersensibilità sia l’irritazione gengivale, potenziali effetti collaterali, si annullano attenendosi scrupolosamente ai protocolli indicati e, comunque, nel caso dovessero verificarsi, sono in genere minimi e transitori .Una piccola percentuale di persone può avvertire una leggera sensazione di calore ai denti dopo la procedura per . Il fastidio può essere lenito con un semplice analgesico. In caso di sensibilità dentale, basterà astenersi dal bere bevande troppo fredde o troppo calde dopo le 24 ore dal trattamento.

 

La procedura sbiancherà le mie esistenti corone e le mie otturazioni?
No, lo sbiancamento dei denti funziona solo su denti naturali. Ciò dovrà essere preso in considerazione prima del trattamento. Infatti, una volta che i denti naturali sono stati sbiancati, le vecchie corone, Veeners od otturazioni scure richiederanno un rinnovo per avvicinarsi alla nuova tonalità. Anche questo aspetto sarà oggetto di consultazione nel corso della visita con l'odontoiatra.


Quando è meglio non farlo
Se hai ponti, corone, grosse otturazioni nei denti frontali non puoi sottoporti a sbiancamento. Anche in presenza di carie o gengive infiammate non si può fare. Il trattamento sbiancante si esegue solo su una bocca sana, quindi prima vanno curate le eventuali patologie.

 

Ipersensibilità dentale? Pensaci bene
Lo sbiancamento può provocare ipersensensibilità al freddo (e agli stimoli termici e agli zuccheri e agli acidi). Solitamente, questa complicanza sparisce nel giro di pochi giorni e con l’aiuto di prodotti desensibilizzanti. Se soffri già di ipersensibilità, pensaci bene.

 

Controindicato nel caso di donne in gravidanza o che stiano allattando.

Con lo sbiancamento dei denti, si rilasciano tossine che possono essere non dannose per un adulto, ma che possono essere pericolose per un bambino. Se volete sottomettervi ad uno sbiancamento dentale, sarebbe meglio aspettare fino a dopo il parto o una volta aver smesso di allattare.

 

Mai sotto i sedici anni

Un'altra situazione in cui non si dovrebbe sbiancare i denti è se si è giovani. Se avete meno di 16 anni, lo sbiancamento dei denti dovrebbe essere evitato perché nei soggetti giovanii sono ancora in via di sviluppo le gengive e lo smalto. Con uno sbiancamento dentale in giovane età, si corre il rischio di danneggiare le gengive e compromettere lo sviluppo dello smalto, che porterà a futuri problemi di denti.

 

Pulizia dei denti prima dello sbiancamento
Se hai i denti con placca e tartaro e le gengive infiammate, prima di fare lo sbiancamento devi fare la pulizia dei denti e curare l’infiammazione. Fumo, vino rosso e cibi e bevande colorati in genere, vanno evitati perché colorano i denti. A maggior ragione, vanno ridotti al minimo subito dopo lo sbiancamento.


A casa o dal dentista?
Lo sbiancamento si può fare sia nello studio del dentista sia a casa con appositi prodotti e mascherine che ti fornisce il dentista stesso. Il trattamento domiciliare dura più a lungo circa 10 giorni e prevede l’uso di mascherine, da indossare per un certo periodo del giorno o della notte. Questo sistema dà gli stessi risultati (se non migliori) che si avrebbero sulla poltrona del dentista e generalmente provoca meno effetti collaterali. E, non trascurabile, costa meno.

 

Come scegliere il professionista giusto
Il dentista deve farvi una serie di domande sul vostro stato di salute generale e sullo stile di vita (fumo, alcol, ipersensibilità).


Quali sono le cause dell'alterazione del colore dei denti?

 

L’ingiallimento dei denti è un processo fisiologico, e deriva dall’invecchiamento. Può essere aggravato dall’uso di tabacco, soprattutto se si fumano molte sigarette. La formazione di macchie scure, invece, può derivare dall’erosione progressiva dello smalto, che causerebbe anche una maggiore sensibilità dei denti al calore o al freddo. I fumatori incalliti, in genere, hanno entrambi i problemi, ma i trattamenti sbiancanti per i denti possono solo attenuarli. L’unico modo per far tornare i denti al loro colore originario è smettere seriamente di fumare.

Lo smalto può deteriorarsi nel tempo se non si segue una corretta igiene orale. I denti vanno lavati sempre dopo i pasti, soprattutto dopo aver mangiato i dolci. E’ da preferire lo spazzolino elettrico a quello tradizionale, poiché è in grado di eliminare in modo più rapido e definitivo sia la placca, che il tartaro.

 

Quali sono i “nemici” del nostro sorriso? Lo abbiamo già accennato, le sigarette lo sono in primis, in quanto il tabacco corrode lo smalto. Poi ci sono anche il thè e il caffè, e altre bevande contenenti sostanze coloranti, come per esempio i succhi di frutta. Essendo i ragazzi i maggiori fruitori di tali prodotti, è sempre più frequente che abbiano precocemente problemi dentali, compreso il colore giallastro o le macchie, e che quindi siano costretti, seppure ancora giovani, a ricorrere a trattamenti fai da te o chimici per lo sbiancamento dei denti.

Tuttavia, come ricordano i dentisti a giusta ragione, un bel sorriso è il risultato di una corretta e adeguata cura preventiva, che consiste non solo nel limitare (o meglio, evitare del tutto) gli alimenti che danneggiano lo smalto, ma anche nel recarsi periodicamente dal dentista per effettuare una pulizia completa della bocca. Per mantenere gli effetti visibili nel tempo, sono in vendita dei prodotti che possono essere applicati “una tantum”, e che sono a tutti gli effetti dei trattamenti sbiancanti.

 

 

Le indicazioni contenute in questa pagina sono da considerarsi a scopo informativo,le risposte non costituiscono una visita medica a distanza e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto tra professionista della salute e paziente.

 

Sbiancamenti dentali professionali a Roma.

Dott.Umbero Molini via Ernesto Monaci 5 Roma associato Studi dentistici Centro Dental.it solo studi dentistici di qualità.

Puoi fissare un appuntamento a Roma con il dott.Umberto Molini tramite la mail info@centrodental.it

 

 

Questo sito non utilizza cookie di profilazione, ma cookies di terze parti per migliorare l'esperienza  del traffico degli utenti. Proseguendo nella navigazione del sito acconsenti all'uso dei cookies. I vostri dati saranno trattati secondo le normative vigenti in termini di privacy (D.Lgs. n. 196/2003).
Potete revocare in ogni momento il vostro consenso tramite la mail info@centrodental.it 

 

indietro..indietro

 

Copyright © 2011. All rights reserved . Studi dentistici e studi odontoiatrici Centro Dental.it . Solo dentisti e studi dentistici di qualità.